L’arte della Savika o corrida malgascia in Madagascar

14 Mars 2016 - Sport
L’arte della Savika o corrida malgascia in Madagascar

La maggior parte dei sport tradizionali malgasci sono virili. Creati molti anni fa per insegnare ai giovani maschi a lottare e stupire le donne dei loro paesi grazie al coraggio e alla forza. Numerose sono le discipline, ma la Savika rimane quella più famosa e quella che attrae tanti turisti sull’isola. In quest’articolo scopri le ragioni per le quali quest’arte è ancora molto apprezzata in Madagascar.

 

Gli aspetti principali della Savika

Sopranominata anche la corrida malgascia, l’arte del Savika è uno dei giochi tradizionali molto rinomati nel regno Betsileo nel Sud-est del Madagascar. In un’arena fatta di barriere in legno, circondata dal pubblico, l’uomo affronta lo zebù. Il principio della disciplina è semplice: L’animale, simile ad un bue, odia farsi toccare le corna e i partecipanti devono aggrapparsi sulla gobba o sul collo per il più tempo possibile. Nel mentre che l’animale prova a liberarsi saltando, una persona incaricata conta i secondi. Per la validità della prova, l’uomo deve resistere almeno un minuto e mezzo. Gli altri partecipanti devono assicurarsi della sicurezza, mentre dei medici volontari sono presenti per portare soccorso ai feriti nel caso ce ne sia bisogno. A differenza della corrida in Europa, il gioco non ferisce l’animale, perché il zebù è un animale molto prezioso e sacro per i malgasci. Li possono mangiare, li utilizzano per dei lavori agricoli o come offerta durante i matrimoni o altre cerimonie importanti.

 

Le origini del Savika

Non si sa di preciso la data nel quale è nato il Savika in Madagascar, tuttavia è sempre rimasto un gioco molto apprezzato. Originariamente, si praticava durante cerimonie consuete come: I matrimoni, le cerimonie dei morti o durante le circoncisioni. Oggi, la sua pratica rimane occasionale durante la festa nazionale o una festa comunale, ciò non impedisce di attirare ogni volta tanta gente. Per i Malgasci, questo sport è anche un rito di passaggio all’ età adulta. Ha i suoi propri codici e tecniche che si trasmettono da padre a figlio.

Questo gioco educa i giovani a prepararsi alla vita lavorativa, ed é anche un elemento indispensabile per la formazione e sviluppo della personalità. I partecipanti usano anche la Savika per onorare i loro antenati o il paese.

 

Informazioni sull'autore: Angelo Marinero
Da diversi anni, leggo diversi soggetti su diversi temi su diversi blog. Tra questi blog, gli svaghi erano i miei preferiti. Quando ne scopro uno in particolare, mi vengono immediatamente delle idee in testa. Le mie ispirazioni, amo farle conoscere a tutti e d’altronde, è un grande piacere. Scrivo, gioco con le parole per essere un modello e perfino essere un buon riferimento per altri appassionati come me.
  • Condividere :
  • Reagire :

Pubblicate un commento

captcha

Scoprite anche

PARTNER DELLE VOSTRE VACANZE